Il mio percorso di ricerca si rivolge alle pratiche di condivisione e socializzazione fondate sull’azione, il dialogo e l’incontro. Indago i fenomeni relazionali e sociali in relazione all’ambiente, ispirandomi all’universo naturale ed alle scienze sociali. Parto dal presupposto che l’arte e il processo creativo rendono le persone più aperte alla comprensione della realtà ed ispirano una presa di coscienza attivando cambiamenti. L’intento è di analizzare quei processi che nascono con l’ampliamento dei piani di azione e terminano con nuovi collegamenti e possibilità.

Spazio attraverso varie forme di espressione come la performance relazionale, l’azione partecipativa, il video, la fotografia, il disegno e l’installazione. In particolare mi interessano i confini che caratterizzano le dinamiche di creazione e dissoluzione dell’identità individuale e sociale, in relazione al contesto ambientale in cui si svolgono tali dinamiche. Utilizzo l’azione partecipativa, la performance relazionale ed il video per entrare in diretto contatto con le persone e la loro realtà, documentandone, tramite la fotografia, il disegno e l’installazione, la memoria ed il proprio senso di appartenenza al contesto naturale e sociale, al fine di stimolare sensazioni, significati ed interpretazioni inesplorate.

Utilizzo anche l’installazione ambientale site-specific e la pittura materica, sviluppando soprattutto tematiche inerenti l’ambiente naturale ed il rapporto che gli esseri umani hanno con esso. Per realizzare sia le installazioni che i quadri seleziono inizialmente la tipologia di materiale riflettendo sulle sensazioni e le memorie che può trasmettere e svelare. Elaboro tale scelta con attenzione perché mi permette di sviluppare un’idea specifica sul lavoro che andrò a realizzare, mettendola in diretta correlazione alla tematica ed alle sensazione che desidero esprimere e trasmettere.