IL RESPIRO DELLE FORESTE

Il Respiro delle Foreste nasce da una riflessione sull’emergenza dei problemi ambientali in occasione dell’Anno Internazionale delle Foreste nel 2011.

Attualmente le foreste custodiscono l’80% della biodiversità mondiale, sono una fonte di sostentamento per più di un miliardo di persone e il più grande deposito di carbonio al mondo. Queste grandi risorse possono portare l’umanità a raggiungere importanti obiettivi come la riduzione della povertà, dei cambiamenti climatici e la realizzazione di uno sviluppo sostenibile.

In Il Respiro delle foreste, attraverso una serie di segni che rimandano ad un elettrocardiogramma, metto in collegamento sia formale che cromatico il respiro umano con i legni multicolori appesi al muro e agli oggetti sul pavimento al fine di evidenziare il fatto che gli esseri umani e le foreste vivono in un rapporto invisibile ma molto profondo: infatti senza il respiro delle foreste gli esseri umani non potrebbero respirare.

Vestiti di recupero,  bastoncini di legno, kenaf, acrilico, lana cardata

Tecnica mista

300×300 cm

2011