RESIDENCY 108 - UPSTATE NEW YORK

OLTRE I CONFINI

Nel paesaggio a Nord di New York (Upstate NY) il fiume Hudson e le montagne Catskill sono indissolubilmente legati l’uno all’altro sia visivamente che topograficamente e qui la dicotomia natura/cultura, spesso presente nei film americani degli anni ’50, si rivela con forza. Alla fine del XIX secolo i pionieri arrivati qui delineano i confini in linea retta mentre gli alberi della foresta vengono abbattuti e sostituiti da ampi prati erbosi. Le fattorie vengono dunque innalzate su appezzamenti di terra strappati dalle umide praterie e da foreste private del loro stato vergine e che prima appartenevano ai nativi.

Questo paesaggio iconico mi svela il legame nascosto che ho con questo territorio dove la mia famiglia, all’inizio del XX secolo, e` immigrata dal Sud Italia in nave attivando un processo di appropriazione del territorio e di ricostruzione culturale. Mia zia Maria che oggi vive nel New Jersey, durante la residenza mi racconta che da piccola lei e la sua famiglia, provenienti dalla Sicilia, si erano portati sulla nave i cuscini imbottiti a mano con la lana ricavata dalle loro pecore.

Parto da qui per il mio lavoro di residenza, prendendo il vello delle pecore di Residency 108 per poi cardarlo e sottoporlo ad un processo di infeltrimento, trattenendo al suo interno elementi come sassolini, foglie e fiori del luogo. Esploro, cammino e osservo: la fattoria e’ delimitata da recinzioni facilmente oltrepassabili e che, come fratture del paesaggio, mi riportano alla realta` della mia famiglia quando lascia la sua terra di origine. Nascono opere con elementi autobiografi e storici, di continuità e connessione, di limiti e confini.

Il lavoro IN & OUT: DOUBLE BORDER CANVAS consiste in una azione/installazione facente parte di una serie di lavori sul concetto di confine. Lascio due tele grezze sul terreno per 7 giorni, una all’interno della proprietà e l’altra subito oltre il confine, adiacenti al vecchio muro di pietra che segnava i confini in passato prima dell’attuale struttura in legno. Vicino alle tele lascio due tazze contenenti materiali naturali presi dal territorio attiguo come fili d’erba, foglie, ecc..

Per tutti i 7 giorni compio l’azione rituale di camminare per recarmi in questo luogo, mentre il mio passaggio diventa ogni giorno più marcato e la mia presenza più evidente. Desidero commemorare le persone che sono state qui prima di me, i miei antenati ed i popoli indigeni, per fare pace con loro. Desidero inoltre che anche la terra si riappacifichi con loro. L’ultimo giorno, a conclusione dell’azione, invito Jill, una signora indiana canadese della tribu` dei Sioux, a celebrare una cerimonia di “Guarigione della Terra” e, mentre prendo con me le tele con le tracce del luogo, restituisco alla terra i materiali che sono stati nelle tazze.

THEY'VE EXPERIENCED THE BEST

OUR GREAT CLIENTS

Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.
ALWAYS HERE

CONTACT US

Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt.

Address:

1232 Westley Ave Street
907 WP Theme, Webcreations907
99201-1 887-33

Phone:

1+(999)-323-0202
1+(777)-444-6565 FAX

Hours:

Mon-Fri 5am - 11pm
Sat-Sun 3am - 8am

[contact-form-7 id="312"]